Over Load Productions

il meglio della rete

Le proprietà della bava di lumaca

Negli ultimi anni si è parlato tanto di rimedi rivoluzionari in ambito di benessere e cura della pelle. Uno degli ingredienti più eccezionali è senza dubbio la bava di lumaca: si tratta di un prodotto che solo di recente è entrato nell’Olimpo della cosmetica occidentale, ma che in antico Oriente viene usato da migliaia di anni per la cura della pelle e per le sue eccellenti proprietà. (altro…)

Aspetti culinari della maremma

Ci sono alcune città che sono dei veri e propri poli turistici capaci di monopolizzare l’intero turismo di una regione. Pensiamo ad esempio a Firenze. Chi decide di visitare la Toscana non può prescindere dalla visita della sua città più bella e famosa, ai danni a volte di tutte le altre bellezze del territorio. (altro…)

Organizzare un weekend fuori porta, idee per viaggiare!

I viaggi non è detto che debbano esser per forza lunghi ed impegnativi, a volte si può viaggiare anche semplicemente spostandosi di qualche centinaia di chilometri e solamente per un weekend. In questo articolo vorremmo provare a fornire qualche considerazione utile ed idea di viaggio proprio per questa categoria di viaggio, ovvero quella dell’organizzazione di un weekend fuori porta, un piccolo viaggio ideale per chi ama spezzare la quotidianità ogni tanto senza impegnarsi troppo economicamente ed in tempistiche ridotte.
Scopriamo di più a cosa ci riferiamo iniziando a parlare nel nostro articolo!

Tipo di viaggio da affrontare

La prima cosa da stabilire, quando si voglia effettuare un weekend fuori porta è proprio quello di individuare la tipologia di viaggio che si andrà ad effettuare, se non avete idee di viaggio in mente valide potete affidarvi a siti come Tipintravel che permettono di consigliare qualche itinerario o idea utile alla quale forse non avrete mai pensato.
Ma in realtà la decisione spetta solamente a voi, per cui prima ancor di stabilire la destinazione effettiva pensate al tipo di weekend che vorrete affrontare: cultura, relax, escursioni, avventura, sport… Qualsiasi cosa preferiate può esser fatto semplicemente in un weekend, per cui decidete il vostro spirito di viaggio, dopodiché passate ai prossimi preparativi dell’organizzazione!

Individuazione della destinazione

Avete scelto quale tipologia di viaggio volete affrontare? Bene, ora è il momento di capire per dove! Trattandosi di un solo weekend, o al massimo 3-4 giorni, l’ideale è non allontanarsi troppo se vi dovrete spostare con i propri mezzi. Fare molti chilometri nel giro di pochi giorni potrebbe diventare quasi più uno stress piuttosto che un divertimento o uno stacco dalla quotidianità.
Non è detto però che vi dobbiate spostare in questo modo, esistono tante compagnie low cost che offrono voli a prezzi veramente ridotti, con 50-60€ a persona potreste riuscir ad arrivare in qualsiasi capitale europea! Per cui, non avendo ancora prenotato nulla, siete ancora in tempo per cambiare il tipo di viaggio nel caso in cui troviate un volo allo stesso costo di uno spostamento in Italia.

Organizzazione del viaggio

Dopo aver individuato il tipo di viaggio e la località, ovviamente non vi resta che prenotare! Considerate che si tratta di un solo weekend, per cui a volte non conviene soffermarsi troppo sulla location nel cercare di trovare la perfezione a costi elevati, ma è anche vero che dipende tutto dal tipo di viaggio che vi state immaginando. Se pensate ad una fuga romantica di relax forse vale la pena spendere qualche decina di euro in più per godervi anche la struttura del pernottamento. Se invece però state pensando ad un viaggio culturale o sportivo ed il tempo nella struttura non sarà poi così tanto, vale la pena sicuramente risparmiare soldi per poterli spendere in altre cose durante il weekend!

Partenza!

Ormai è tutto pronto, il viaggio è programmato ed il weekend sta per cominciare, per cui, preparate i vostri bagagli, non appesantitevi troppo ed iniziate la vostra avventura! Seppur breve, ricordatevi che ogni viaggio ha la sua storia e tornerete a casa con un’esperienza in più! Godetevi questi giorni e staccate la spina senza pensare fin da subito al giorno in cui dovrete rientrare a lavoro!

Vuoi dimagrire? Allora è importante non saltare i pasti

Crederesti possibile che saltando i pasti si ingrassa? E’ proprio quello che emerge da uno studio menzionato di seguito.

Saltare i pasti

Rinunciare al pranzo o alla cena (ma anche, e soprattutto, alla colazione) fa più male di quanto pensiamo. A confermarlo è uno studio condotto da Rajita Sinha della Yale University e pubblicato sul “Journal of Clinical Investigation”. Secondo la ricerca, nutrirsi in modo regolare e costante (con i cibi giusti naturalmente) è fondamentale, perché, quando nel nostro corpo si verifica un calo di zuccheri, il cervello comincia a desiderare ardentemente cibo, soprattutto nelle persone con molto sovrappeso.

Se saltiamo i pasti, riduciamo i nostri rifornimenti di glucosio e quindi finiamo per perdere in modo sempre più evidente la capacità di controllare il desiderio, soprattutto verso i cibi grassi e golosi, ipercalorici, come i carboidrati da cui si ricava la maggior parte degli zuccheri.

Le proteine danno sazietà e aiutano a perdere peso.

Secondo quanto emerge da alcuni studi dell’università di Washington le proteine sono un ingrediente utilissimo per far diminuire l’appetito e aumentare il senso di sazietà.

Il successo che hanno riscontrato, in questi ultimi anni, le diete iper-proteiche è dovuto anche a questo particolare dettaglio. Le proteine, infatti, ritardano la comparsa della fame, ed inoltre contrastano la riduzione sia del meta bolismo basale che della massa magra, due controindicazioni che si verificano dopo aver fatto delle diete dimagranti.

Fonte: Nikkania

Le proteine hanno anche un importante potere termogeno, dato che la digestione delle stesse chiede un quantitativo energetico superiore al nostro corpo rispetto a carboidrati e grassi.

Di quante proteine necessitiamo ogni giorno?

La giusta dose in rapporto all’età al sesso e all’attività fisica.

Per gli adulti è di 0,83 grammi per chilogrammi di peso corporeo al giorno mentre per bambini e adolescenti il quantitativo oscilla tra lo 0,83 e l’1,31 grammi per chilogrammi di peso corporeo al giorno.Per gli adulti un consumo incluso tra 67 grammi e 114 grammi al giorno per gli uomini e tra 59 grammi e 102 grammi al giorno per le donne.

Fonte: Efsa, Autorità europea per la sicurezza alimentare

Negli atleti il fabbisogno proteico tende ad aumentare, in maniera differente in virtù delle discipline sportive praticate.

Per sport di resistenza come lo sci alpino, o il calcio, si stima un fabbisogno di 1,2 – 1,4 g/kg corporeo, nel nuoto è di circa 1,6 g/kg corporeo, nei ginnasti 1,9 g/kg corporeo, sino ai 2,1 – 3,2 grammi per Kg di massa corporea nei body builder professionisti. Fronteggiare tali richieste diviene difficoltoso con la semplice alimentazione. È quindi frequente il ricorso ad appositi integratori che hanno l’aspetto di una polvere (simile a farina) aromatizzata con differente gusto (cacao, fragola ecc.). Gli integratori di proteine in polvere sono solubili, e vengono fatti sciogliere nel latte o nell’acqua al fine di ottenere un prodotto dalla facile somministrazione.

Studi clinici dimostrano che l’assunzione di frullati sostitutivi del pasto arricchiti con proteine, favorisce un più efficace controllo del peso rispetto a diete basate sulla sola riduzione dell’apporto calorico.

Fonte: congresso europeo sull’Obesità di Ginevra (Svizzera) conferenza mondiale della “Obesity society” tenuta a Phoenix (USA).

Come si usa diet gum

Innanzitutto, cos’è esattamente la nuova diet gum? È semplicemente una gomma da masticare che ha lo scopo di aiutarvi a perdere peso velocemente.
Grazie ai suoi ingredienti, i cui principi sono assunti tramite la masticazione e la saliva (la quale, appunto, aumenta mentre mastichiamo la chewingum), otterrete dal suo utilizzo un effetto dimagrante ed energizzante.
La diet gum è un prodotto del tutto naturale e bio, non ha prodotto alcuna controindicazione anche se è, ovviamente, sconsigliato abusarne per una questione di salute dei denti, ed è sconsigliata anche per donne in dolce attesa e persone che soffrono di gastrite.
I suoi due ingredienti principali sono la garcinia cambogia, un prodotto famoso per chi è esperto di diete. Il suo estratto è venduto anche in compresse, come integrato alimentare per dimagrire. Infatti, la garcinia cambogia ha la capacità di bruciare i grassi e velocizzare il metabolismo.
L’altro ingrediente è il guaranà, famoso soprattutto per la sua capacità energizzante ed antiossidante, il che è l’ideale soprattutto nel periodo estivo.
L’uso della diet gum è consigliato nei momenti della giornata in cui la fame ci attanaglia (al di fuori dei tre pasti quotidiani) per attenuare il senso di appetito e correre ai ripari.
Sono già tantissime le persone che l’hanno testata ed hanno ottenuto i risultati che desideravano da mesi, ovviamente associando l’utilizzo della gum con dell’attività fisica giornaliera (anche solo per una ventina di minuti) e con un’alimentazione salutare ed equilibrata.
La diet gum può essere acquistare solo ed esclusivamente online, dal sito ufficiale del rivenditore, in cui vi basterà riempire un modulo per dare il via alla vostra ordinazione per soli 29 euro (invece che di 69 euro, solo per un periodo limitato!).
Dopo aver completato la vostra ordinazione, non dovete far altro che attendere l’arrivo del corriere.
Potete scegliere di pagare in contrassegno, quindi solo una volta che prodotto sarà già fra le vostre mani.
La diet gum è il prodotto ideale per il periodo, approfittate del prezzo del momento, più che conveniente!

I condizionatori portatili

I condizionatori portatili sono considerati più rumorosi a differenza di quelli fissi e per tal ragione non risultano essere adatti per coloro che vivono in condominio oppure in appartamento.

Qualunque modello di condizionatore portatile venga preferito per il raffrescamento della propria abitazione è caratterizzato da un rumoroso funzionamento, è possibile pure attuare delle strategie oppure seguire qualche piccolo consiglio, anche soltanto per ridurre il rumore.

In genere, si può dire che ciascun tipo di condizionatore portatile si caratterizza per il rumore che emette, perchè il meccanismo del suo funzionamento va ad avvalersi del processo di aspirazione dell’aria calda dalla stanza dove viene collocato, espulsione della stessa per diminuire la temperatura dell’ambiente e creare e generare aria fresca per poter produrre il raffreddamento dell’ abitazione.

Facilmente si comprende come tale meccanismo di generazione dell’aria refrigerata sia un processo piuttosto rumoroso, pure perchè va a compiersi in diverse fasi: le varie tipologie di condizionatore portatile consentono la riduzione del rumore, ma non di eliminarlo del tutto.

Il tipo di condizionatore con unità esterna è, solitamente meno rumorosa del tipo senza tubo, perchè il processo di aspirazione ed espulsione va a compiersi in modo diretto nell’ambiente esterno; nella versione di condizionatore con split e, quindi, senza tubo, tale stesso meccanismo viene eseguito all’interno della stessa stanza laddove sarà collocato il condizionatore, con la conseguenza di una produzione di rumore nello stesso ambiente.

Tra i condizionatori portatili maggiormente ricercati per il periodo estivo per le grandi prestazioni nel raffrescamento degli ambienti è rappresentato dal Pinguino De Longhi, che si caratterizza per i grandi vantaggi in particolare nel prezzo iniziale che non supera i 600 euro, ma a parte questo, presenta un elevato livello di rumorosità che non lo va a rendere adatto all’uso in piccoli ambienti, appartamenti oppure condomini, in special modo nel corso delle ore notturne.

Il livello di rumorosità del condizionatore Pinguino De Longhi, analogamente agli altri tipi di condizionatori portatili del medesimo modello, è dovuto al motore inserito dentro la struttura monoblocco per un valore di rumorosità eguale a 43db.

Si tratta di un valore indicativo, perchè la percezione del rumore è legata pure dai livelli di accettazione che si hanno per quanto riguarda il rumore, ma in genere un condizionatore portatile classico si assesta sui 19 db circa .

Un ulteriore modello di condizionatore portatile noto per le sue potenzialità nel raffrescamento degli ambienti è rappresentato da condizionatore Zephir: noto per le sue minime dimensioni , facilmente installabile in ciascun spazio piccolo della propria abitazione.

Agevolazioni Casa Sicura: cosa sono e chi può usufruirne?

La Legge di Bilancio 2017 stabilisce nuove misure interessanti riguardo all’ambito fiscale per tutti coloro che non possiedono una casa antisismica. Entrando nei particolari, le agevolazioni Casa Sicura sono state arricchite con nuovi parametri tutti da prendere in considerazione da parte dei soggetti beneficiari in prima persona. Scopriamo insieme tutti i loro segreti e le motivazioni per le quali i cittadini potrebbero ricevere aiuti cospicui dal punto di vista economico.

Cosa sono le agevolazioni Casa Sicura

Le agevolazioni Casa Sicura servono a rendere un edificio antisismico e vengono applicate in maniera diretta su interventi edilizi in grado di proteggere da eventuali sismi di una certa entità. L’obiettivo di tale misura è quello di favorire le varie operazioni di prevenzione nel nostro paese. Prima di poter usufruire dei vantaggi, bisogna conoscere l’indice di pericolo sismico della propria abitazione o edificio in generale. Chi sostiene in prima persona tutte le spese economiche relative ai lavori edilizi può accedere alla detrazione fiscale. Ovviamente, tutti gli interventi vanno eseguiti in piena conformità con i principi dettati dalla legge. In caso di spese che non oltrepassano i 96 mila euro, dalla dichiarazione dei redditi potrà essere sottratta una percentuale compresa tra il 50% e l’85% dall’imposta lorda. Questa entità varia in base alla quantità e al genere di operazioni che vengono attuate per rendere una casa antisismica. Il Governo ha intrapreso una cospicua campagna di sensibilizzazione sulla misura e rende molto semplici la sua conoscenza e comprensione. Casa Sicura è conosciuta a livello nazionale anche con la denominazione alternativa di Sismabonus e coinvolge quasi tutto il territorio nazionale.

Chi può usufruire delle agevolazioni Casa Sicura

Ma ora entriamo nei particolari e scopriamo insieme chi può accedere alla misura relativa alle agevolazioni Casa Sicura. Il target principale è costituito da tutti coloro che risiedono in zone di una certa pericolosità sismica. In generale, le città nostrane sono raccolte in quattro categorie di aree sismiche. La zona 1 è quella dall’indice di sismicità più elevato e raccoglie tutte le aree nelle quali sono stati riscontrati terremoti piuttosto recenti. La zona 2 è a sismicità media, mentre la zona 3 è bassa. I minori pericoli potenziali si verificano nella cosiddetta zona 4, anche se di aree totalmente al sicuro non ne esistono ed è necessario prestare sempre una certa attenzione ai vari eventi sismici. Al tempo stesso, le agevolazioni Casa Sicura per chi non è in possesso di un edificio antisismico e intende adeguarlo sono riservate a coloro che risiedono nelle città appartenenti alle prime tre categorie. Gli edifici che ne fanno parte sono le abitazioni, le stanze dei condomini e gli immobili delle aziende. Per entrare a far parte di questo progetto fiscale, bisogna inviare la dichiarazione dei redditi ed inserire al suo interno la cifra economica investita per eseguire i vari lavori. La detrazione viene spalmata su cinque anni e le quote di ciascun anno sono uguali. Inoltre, scatta dal momento in cui gli interventi sono stati conclusi e pagati.

Acquisto di un immobile ad Ischia

Sono sempre di più le persone che sono interessate alla possibilità di acquistare un immobile ad Ischia. Ecco perché trovare una casa in vendita Ischia non è difficile se si guarda alle zone migliori dell’isola.

Un’ottima idea per coloro che hanno famiglia e sono alla ricerca di una zona tranquilla è quella di scegliere un immobile a Sant’Angelo. Qui infatti ci sono tante case in vendita e soprattutto la possibilità di avere una vita tranquilla per sé e per i propri familiari. Senza dimenticarsi della spettacolare vista che garantisce questa zona: la spettacolare baia è sempre molto suggestiva.
Un’altra zona dove vale la pena cerca una casa in vendita Ischia è Ischia Ponte. Sicuramente si tratta di un punto più movimentato dell’isola e che nel contempo permette di vivere in base alla tradizione marina antica del posto. In questa zona ci sono svariate abitazioni da poter acquistare per godersi l’isola di Ischia non soltanto per le vacanze.
Anche la zona dove si trova il Castello Aragonese è una di quelle migliori dove cerca una casa in vendita. Questo perché si tratta di una delle zone più movimentate dove ci sono immobili di vario valore. Senza dimenticare che si tratta di un punto strategico anche per i mezzi di trasporto. Ecco perché sono in tanti a mettersi alla ricerca di case in vendita presso il Castello Aragonese di Ischia.

Come zona di mare ideale per chi vuole avere una casa immersa in una zona dallo scenario suggestivo c’è Ischia Porto. Proprio qui è possibile trovare tante attività commerciali che permettono di avere nei paraggi tutto ciò che possa servire. Ovviamente considerando anche la movida che è uno dei punti forti di questa zona.
Ma in ambito di zone ideali dove vivere a Ischia c’è sicuramente Forio. Questa non è solo meta di attrazione per i turisti, ma anche un posto da sogno per chi vuole vivere in una zona esclusiva. Tantissime attrazioni, oltre al panorama bellissimo che dai vari punti di Forio si può ammirare. Tenendo presente che Forio è uno dei comuni più movimentati dell’isola.

Prestiti inpdap anche per cattivi pagatori e protestati

Consultando le inchieste e le ricerche di mercato, realizzate in particolare in questi tempi di crisi, risulta evidente che, superando tutte le difficoltà del caso, il cittadino italiano è un bravo risparmiatore. Ma quando si ha bisogno di credito i prestiti inpdap rappresentano un’ottimo strumento.

I prestiti inpdap (qui puoi trovare una guida dedicata a questi finanziamenti) rappresentano una grande opportunità per accedere al credito anche quando si è segnalati in crif come cattivi pagatori. Ma come funzionano esattamente i prestiti inpdap, e come possiamo ottenerne uno? Andiamo con ordine e facciamo un passo indietro.

Mediamente le famiglie che vivono nel nostro paese riescono sempre a salvare una piccola parte del patrimonio nel caso in cui si presentino eventi non previsti che richiedono una spesa che va ben oltre le possibilità finanziarie quotidiane. Anche ai più grandi esperti del risparmio e di organizzazione dell’economia domestica però potrebbe capitare un periodo di crisi in cui ci si ritrova ad aver bisogno di denaro contante. Un caso del genere si può verificare più facilmente di quanto si pensi. Basta che si presentino due spese non preventivate nello stesso periodo e impossibili da rimandare. Mettiamo il caso abbiate pagato tutte le solite spese mensili, le bollette, il condominio e la rata del mutuo. Pensavate di aver saldato tutto e di poter passare il resto del mese in modo relativamente tranquillo in attesa del prossimo stipendio, quando avete scoperto che una tubatura farà marcire il vostro pavimento e il soffitto dell’inquilino di sotto se non lo riparate subito.

Prestiti Inpdap per Dipendenti e Pensionati

Il denaro è restituibile in un periodo che parte da un minimo di 12 fino ad un massimo di 84 mesi attraverso un rid bancario o tramite bollettino postale. Il tan e taeg richiesti variano in funzione dell’importo richiesto in prestito. La soluzione Quintocè è invece il finanziamento riservato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. In questo caso infatti la somma concessa verrà restituita attraverso una trattenuta dello stipendio direttamente dal datore di lavoro. L’importo massimo da richiedere è calcolato in funzione dello stipendio e del TFR nel caso del dipendenti e in base alla pensione nel caso che a richiedere il prestito sia un pensionato. La restituzione avverrà in un tempo che va da 12 a 120 mesi.

Nel caso dei lavoratori dipendenti la possibilità di prestito è destinata ai lavoratori con contratto a tempo indeterminato o a quelli con contratto a tempo determinato, ma la durata del prestito per questi ultimi non potrà superare il tempo della durata del rapporto di lavoro.

I prestiti inpdap sono gestiti, attualmente, dall’Inps ma ancora oggi mantengono invariato questo nome (appunto Finanziamenti Inpdap) perché entrato nel linguaggio comune di tutti i giorni.

Bacche di goji proprietà e benefici

Le bacche di goji sono considerati tra gli alimenti che hanno più benefici in assoluto. Ma quali sono i loro segreti? Senza alcun dubbio, i benefici generati dal consumo di queste bacche sono davveri moltissimi. Basti pensare al fatto che, ad esempio, consentono di diminuire il rischio di cancro, prevengono gli infarti, funghi, parassiti e virus e agiscono sia contro l’insorgenza delle malattie degenerative che contro l’invecchiamento. Inoltre, proprio le bacche di goji sono degli ottimi antinfiammatori, rafforzano notevolmente il sistema immunitario, riescono a normalizzare la pressione del sangue e proteggono sia la pelle che gli occhi. Un altro aspetto da non sottovalutare riguarda il fatto che tra le proprietà delle bacche di goji ci sono la riduzione del colesterolo, stabilizzare la glicemia e contrastare il tanto temuto diabete. Vediamo, dunque, di scendere più nel dettaglio e di scoprire qualcosa in più sul conto di questi alimenti così preziosi per il nostro organismo.

Ecco perché scegliere le bacche di goji

Gli scettici potrebbero pensare che sia esagerato esaltare così tanto le bacche di goji. In realtà, le sostanze nutritive sono talmente tante che asserire che non abbiamo a che fare con un cosiddetto super-alimento sarebbe decisamente errato. Nelle bacche, ad esempio, sono presenti dei fitochimici molto importanti per il nostro organismo. Ovviamente, stiamo facendo riferimento sia all’acido ellagico che ai carotenoidi. Entrambi gli elementi sono preziosissimi e particolarmente nutritivi. Da non sottovalutare, poi, è il fatto che le bacche di goji sono degli ottimi antiossidanti. Stando agli studi, infatti, pare che siano in grado di non agevolare l’invecchiamento delle cellule. Addirittura, pare che assumendo con regolarità questo alimento si avrebbe la possibilità di far crescere il numero di globuli bianchi e, quindi, di combattere il cancro.

Bacche di goji: benefici ad ogni età

Le ricerche in merito ai benefici delle bacche di goji parlano chiaro: esse, infatti, riescono a diminuire in maniera sensibile le cellule morte e, pertanto, pare possano essere un ottimo alleato contro il morbo di Alzheimer. In linea di massima, poi, potrebbero essere anche sfruttate per trattare e curare le malattie neurodegenerative. A questo punto è chiaro che sono davvero moltissimi i benefici delle bacche di goji e, dunque, non resta altro da fare che inserire questo alimento nella dieta in modo tale da avere la possibilità di beneficiare di tutte le sue proprietà. Tra l’altro, non è da sottovalutare il fatto che queste bacche possono essere facilmente abbinate anche ad altri alimenti.