Over Load Productions

il meglio della rete

Agevolazioni Casa Sicura: cosa sono e chi può usufruirne?

La Legge di Bilancio 2017 stabilisce nuove misure interessanti riguardo all’ambito fiscale per tutti coloro che non possiedono una casa antisismica. Entrando nei particolari, le agevolazioni Casa Sicura sono state arricchite con nuovi parametri tutti da prendere in considerazione da parte dei soggetti beneficiari in prima persona. Scopriamo insieme tutti i loro segreti e le motivazioni per le quali i cittadini potrebbero ricevere aiuti cospicui dal punto di vista economico.

Cosa sono le agevolazioni Casa Sicura

Le agevolazioni Casa Sicura servono a rendere un edificio antisismico e vengono applicate in maniera diretta su interventi edilizi in grado di proteggere da eventuali sismi di una certa entità. L’obiettivo di tale misura è quello di favorire le varie operazioni di prevenzione nel nostro paese. Prima di poter usufruire dei vantaggi, bisogna conoscere l’indice di pericolo sismico della propria abitazione o edificio in generale. Chi sostiene in prima persona tutte le spese economiche relative ai lavori edilizi può accedere alla detrazione fiscale. Ovviamente, tutti gli interventi vanno eseguiti in piena conformità con i principi dettati dalla legge. In caso di spese che non oltrepassano i 96 mila euro, dalla dichiarazione dei redditi potrà essere sottratta una percentuale compresa tra il 50% e l’85% dall’imposta lorda. Questa entità varia in base alla quantità e al genere di operazioni che vengono attuate per rendere una casa antisismica. Il Governo ha intrapreso una cospicua campagna di sensibilizzazione sulla misura e rende molto semplici la sua conoscenza e comprensione. Casa Sicura è conosciuta a livello nazionale anche con la denominazione alternativa di Sismabonus e coinvolge quasi tutto il territorio nazionale.

Chi può usufruire delle agevolazioni Casa Sicura

Ma ora entriamo nei particolari e scopriamo insieme chi può accedere alla misura relativa alle agevolazioni Casa Sicura. Il target principale è costituito da tutti coloro che risiedono in zone di una certa pericolosità sismica. In generale, le città nostrane sono raccolte in quattro categorie di aree sismiche. La zona 1 è quella dall’indice di sismicità più elevato e raccoglie tutte le aree nelle quali sono stati riscontrati terremoti piuttosto recenti. La zona 2 è a sismicità media, mentre la zona 3 è bassa. I minori pericoli potenziali si verificano nella cosiddetta zona 4, anche se di aree totalmente al sicuro non ne esistono ed è necessario prestare sempre una certa attenzione ai vari eventi sismici. Al tempo stesso, le agevolazioni Casa Sicura per chi non è in possesso di un edificio antisismico e intende adeguarlo sono riservate a coloro che risiedono nelle città appartenenti alle prime tre categorie. Gli edifici che ne fanno parte sono le abitazioni, le stanze dei condomini e gli immobili delle aziende. Per entrare a far parte di questo progetto fiscale, bisogna inviare la dichiarazione dei redditi ed inserire al suo interno la cifra economica investita per eseguire i vari lavori. La detrazione viene spalmata su cinque anni e le quote di ciascun anno sono uguali. Inoltre, scatta dal momento in cui gli interventi sono stati conclusi e pagati.